Perchè e come investire in diamanti

0
3635

investire-in-diamanti

Questo articolo ha l’obiettivo di elencare e motivare le ragioni per cui investire in diamanti sia considerato sicuro e vantaggioso. In questa sede non vengono fornite le competenze tecniche specifiche per valutare un diamante. Per approfondimenti tecnici consigliamo la lettura della guida Come valutare un diamante

I motivi per investire in diamanti

Il diamante è da sempre stato considerato la gemma emblema di solidità e preziosità: la sicurezza del mantenimento del suo valore lo ha reso nel tempo il bene rifugio economico non finanziario per eccellenza, in grado di soddisfare tutte le aspettative degli investitori data la certezza dell’accantonamento ed incremento del suo valore nel medio-lungo periodo. E’ importante perciò avvicinarsi all’acquisto o alla rivendita di questa gemma avendo le idee ben chiare sulle sue caratteristiche, ma è indispensabile affidarsi ad un esperto che sia ben aggiornato anche sulle condizioni di mercato del momento. Alcune motivazioni di chiara e semplice comprensione sul perchè, al giorno d’oggi, acquistare diamanti sia l’investimento più sicuro sono le seguenti:

  1. Il diamante mantiene ed incrementa lentamente il valore nel tempo;
  2. Il valore del diamante è mondialmente riconosciuto ed accettato;
  3. Il valore del diamante risente poco delle oscillazioni di mercato;

Come investire in diamanti

Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli enti e le attività che trattano diamanti. Questo è successo a fronte della percepita importanza di questa gemma, da tutti sempre più ricercata ed apprezzata. Ma quali sono gli interlocutori davvero qualificati ed ai quali affidarsi per poter acquistare un diamante in tranquillità? Sicuramente non banche (i prezzi sono spesso fuori mercato, il che non consente una possibile rivendita dei diamanti) o, ancor peggio, personaggi improvvisati ed impreparati. La figura professionale da contattare è quella del gioielliere attraverso il tradizionale canale di vendita in gioielleria.

Da millenni questi esercizi commerciali hanno saputo consigliare in maniera discreta l’acquirente proponendo le gemme migliori in base alle richieste. Esistono anche associazioni alle quali le gioiellerie possono prendere parte che sono sinonimo di garanzia di qualità e sicurezza (esempio: Borsa Diamanti d’Italia). Una volta operata la scelta dell’interlocutore a cui rivolgersi, nel caso in cui il proprio acquisto sia per effettuare un investimento, è bene valutare solo gemme con certificati gemmologici mondialmente riconosciuti (GIA, IGI ed HRD sono gli istituti più famosi ad affidabili al mondo).

Un ulteriore consiglio è acquistare diamanti commerciali dalla qualità alta che siano facilmente ricollocabili sul mercato: solitamente come investimento si tende a scegliere diamanti a taglio BRILLANTE con carature non eccessivamente grandi o piccole (solitamente da 0,50ct a 1,50ct) con colorazione D-E-F, purezza IF-VVS-VS, proporzioni di taglio ECCELLENTI e senza fluorescenza. Consigliamo di tenersi su queste qualità senza salire o scendere nelle caratteristiche al fine di rendere semplice il ricollocamento del diamante sul mercato.

Riepilogando, sono essenzialmente tre le azioni da svolgere:

  1. Rivolgersi ad una gioielleria di fiducia;
  2. Richiedere diamanti certificati dai migliori istituti mondiali;
  3. Scegliere qualità di diamanti commerciali facilmente ricollocabili sul mercato.

certificati-dei-diamanti

Ricollocare i diamanti investiti

Investire in diamanti è solo l’inizio; ma come comportarsi quando si vuole ricollocare un diamante sul mercato per venderlo? Non sempre chi vende si impegna a ricomprare o fare da tramite per rivendere la gemma e inserirla nuovamente sul mercato. Questo dettaglio non è da poco e ti consigliamo di affrontarlo in fase di acquisto con la persona alla quale ti sei rivolto.

Una apertura a queste possibilità, unita magari all’opzione di una permuta dei diamanti è sinonimo di buona fede del venditore, ed è a nostro avviso un punto che può rivelarsi determinante in fase di trattativa.

CONDIVIDI