Il Tourbillon, una complicazione da sogno sinonimo di eccellenza

0
1858

vianney-halter-deep-space-tourbillon-8

Abbiamo più volte parlato delle complicazioni in orologeria, spesso entrando anche nei dettami tecnici delle stesse, cercando di farne comprendere il funzionamento. Esiste però una complicazione tra tutte quelle evidenziate in precedenza che può essere considerata la più particolare, importante, eccezionale, sia in termini meccanici che in termini estetici: il Tourbillon. Ecco analizzata per voi questa fantastica realtà.

Il Tourbillon

Il tourbillon nasce per assolvere a determinati compiti tecnici dimostrandosi col passare del tempo la complicazione che meglio esprime come l’alta orologeria sia immortale grazie al continuo studio e sviluppo della meccanica. Nell’ultimo decennio si è visto come il Tourbillon si sia evoluto declinandosi in differenti combinazioni all’interno dell’orologio.

harry-winston-histoire-de-tourbillon-7

Prima di entrare nello specifico è doveroso dare alcuni cenni storici sulla sua storia. Fu inventato e brevettato agli albori dell’orologeria nel giugno del 1801 da Abrahams Louis Breguet. Consiste in una gabbia girevole che contiene il bilanciere, la spirale e la ruota dello scappamento. Nel suo classico funzionamento compie una rotazione di 360° in un minuto; durante questo periodo, cambiando di continuo la sua posizione, esegue una media degli errori causati dalla forza di gravità che emergono quando il segnatempo si trova in differenti posizioni.

A contribuire allo sviluppo del Tourbillon con invenzione del Tourbillon “volante” fu Alfred Helwig, genio dell’orologeria nato nel 1886 in un piccolo paese della Germania chiamato Glashütte; lo stesso nome del paese viene identificato come una delle maison orologiere più raffinate al mondo. Alfred Helwig diventò il loro più celebre e prezioso collaboratore introducendo soluzioni all’avanguardia della meccanica.

Il problema della delicatezza della meccanica

tourbillon-volante-complicato-senator-meissen-tourbillon

Uno degli aspetti critici degli orologi meccanici sia “da polso” che “da tasca” riguarda da sempre la delicatezza delle meccaniche alle brusche e repentine sollecitazioni ed agli sbalzi di temperatura. Queste due cause hanno sempre inficiato, e a maggior ragione fin dagli albori dell’orologeria, le prestazioni in termini di affidabilità e precisione dei segnatempo.

Partendo dalla geniale invenzione di Abraham Louis Breguet, nel suo tourbillon “volante” l’orologiaio tedesco Alfred Helwig pensò di fissare il meccanismo regolatore solo da una parte. I due cuscinetti posti tra loro a una brevissima distanza risultarono sufficienti a guidare l’intero dispositivo. Con questa soluzione Alfred Helwig fu in grado d’inserire il meccanismo di rotazione e lo scappamento senza munirli di un ponte superiore. Questo fece si che lo speciale tourbillon, mostrato senza veli, sembrasse letteralmente volare, fluttuare sospeso nell’aria.

jacob-co-astonimia-tourbillion

Inoltre, da un punto di vista di masse in movimento, il tourbillon volante è nettamente più leggero, richiede l’utilizzo di minor materiale e conseguentemente il suo punto d’inerzia è minore. Pensato da Helwig per ottenere la precisione allo stato puro, si è rivelato un perfetto meccanismo regolatore anche per un orologio da polso utilizzato quotidianamente. Si può dire che il Tourbillon volante inventato da Alfred Helwig è tutt’ora alla base di molti progetti della moderna e tecnologica alta orologeria.

Il tourbillon come dimostrazione di abilità

Negli ultimi anni abbiamo visto una sempre più costante ricerca da parte della Maison più blasonate e di “nicchia” della perfezione in termini meccanici che hanno portato a soluzione straordinarie. Capolavori di ineccepibile bellezza con le migliori soluzioni che la moderna meccanica possa offrire oggi, capaci di soddisfare chi è alla ricerca dei più straordinari segnatempo dell’era moderna ma per sempre e comunque legati a chi, possiamo dirlo, nei secoli precedenti, ha progettato, sviluppato e brevettato queste incantevoli soluzioni.

Alcuni degli esempi più particolari ed unici li ritroviamo nei capolavori di Jacob & Co. – Astronomia e Vianney Halter – Deep Space Tourbillon.

vianney-halter-deep-space-tourbillon

©Foto: Jacob&Co, Glashutte, Harry Winston.

LASCIA UNA RISPOSTA: