L’uso magico astrologico delle gemme

0
3213

aquamarineE’ quasi superfluo parlarne, è noto a tutti che le gemme siano “ricetrasmittenti naturali” delle forze sottili che tutto permeano e muovono. Per questo non sono mai state ignorate da astrologhi e maghi di tutti i tempi e di tutti i luoghi. Dal medio oriente all’India, dall’Egitto alla Cina, esse sono state protagoniste di rituali religiosi, delle operazioni magiche, dell’arte talismanica. La loro bellezza, la loro durezza e la loro “eternità” manifestano sempre il divino, il sovrumano e le rendono il mezzo di comunicazione tra due realtà: uomo e divinità. La pietra è strumento di occulto, centro di energia che protegge e attacca; è tramite tra terra e cielo e per questo è definita magica e sacra. Nell’alta magia ha un ruolo fondamentale nelle operazioni di evocazione. Ha una funzione di aiuto, di armonizzazione dell’ambiente e del magista con gli spiriti e le entità che egli intende interpellare o dominare.

Per le opere magiche compiute di domenica, da mezzanotte alle otto e dalle quindici alle ventuno, opere di luce e di ricchezza, l’operatore indosserà veste purpureee, bracciali d’oro e porterà addosso un anello d’oro con crisolito o un pezzo di ambra gialla. Per le opere lunari di divinazione e mistero del lunedì è richiesta una collana di perle, cristallo e selenite su un vestito di seta giallo chiaro con ricami in argento. Il martedì per le opere di collera sono necessari abiti rossi, bracciali d’acciaio, rami d’assenzio e ruta ed anelli ornati con rubini. Il mercoledì per le opere di abilità, scienza ed eloquenza sono richieste stoffe verdi, azzurre o opalescenti, collane di perle di vetro contenenti mercurio o platino, opali ed agata. Le opere magiche del giovedì, a carattere politico-religioso, esigono vesti violette ed ambra grigia. Al venerdì si consiglia zaffiro blu, smeraldo e giacinto, ed al sabato invece diamante ed onice.

Oggi il valore divinatorio delle pietre è praticamente relegato all’ambito dell’oniromanzia; nell’analisi del sogno Artemidoro di Daldi (II secolo dopo Cristo) considerava propizio per le donne e nefasto per gli uomini vedere gemme in sogno. Secondo altri autori invece il favore e lo sfavore è da attribuire unicamente al colore della pietra e alle sue relazioni planetarie.

Gemme come talismani

L’impiego più noto e diffuso della gemma rimane comunque quello di portafortuna: come amuleto, mezzo di difesa dalle energie negative o come talismano, strumento di attacco, atto a procurare o facilitare qualcosa al  portatore. La gemma, ornamento del collo e del dito, accompagna l’umanità da sei o settemila anni e probabilmente molto di più. Un portafortuna non è mai naturalmente costruito a caso, deve innanzitutto relazionarsi all’obiettivo perseguito, procacciare una determinata cosa, proteggere da un’altra. Deve anche adattarsi al possessore, armonizzarsi con lui oltre che con ciò che deve offrire. Sono molti i fattori che possono intervenire a questo punto: oroscopo, somma teosofica e cabalistica della data di nascita e delle cifre che compongono il nome del portatore.

Le pietre di ogni mese:

Gennaio – Giacinto, granato, zaffiro;
Febbraio – Ametista, diaspro, perla;
Marzo – Sanguigna, acquamarina, diaspro, ametista, zaffiro;
Aprile – Diamante, zaffiro, giacinto, diaspro;
Maggio – Smeraldo, crisoprasio, opale;
Giugno – Agata, perla, onice, topazio, calcedonio, turchese, smeraldo;
Luglio – Rubino, corniola, berillo, onice;
Agosto – Sarda, sardonice, peridoto, crisolito, corniola, pietra lunare;
Settembre – Crisolito, zaffiro, peridoto, sarda, berillo;
Ottobre – Acquamarina, opale, berillo, sardonice;
Novembre – Topazio, smeraldo;
Dicembre – Turchese, malachite, calcedonio, onice, rubino.

Le pietre di ogni giorno:

Domenica (Sole) – Giacinto, rubino;
Lunedì (Luna) – Perla, pietra lunare;
Martedì (Marte) – Rubino, giacinto;
Mercoledì (Mercurio) – Smeraldo, turchese, zaffiro;
Giovedì (Giove) – Zaffiro viola, occhio di gatto, ametista;
Venerdì (Venere) – Zaffiro blu, smeraldo, diamante, giacinto;
Sabato (Saturno) – Diamante, onice, zaffiro.

Gemme ed astrologia

L’astrologia non è l’oroscopo delle riviste dei giornali e non è solamente la carta del cielo. Nel momento in cui vediamo la luce viene fotografato un assetto planetario che rappresenta uno schema di base del carattere, delle tendenze e delle predisposizioni individuali. Gli astri inclinano e non determinano il destino delle persone, e non arrestano il loro percorso dopo la nascita. Essi proseguono il cammino formando tra loro orbite, incontrandosi ed allontanandosi, determinando con ciò periodi più o meno fecondi, propizi, belli o dolorosi, rapporti, perdite, fortuna o disgrazia. Ed è proprio in questo frangente che le gemme entrano in gioco.

Come l’oroscopo, esse sono qualcosa di unico, individuale ed influenzato da fattori differenti per ognuno. Quando si dice “sono un toro, sono un gemelli” si intende semplicemente  dire che il sole, secondo un punto di vista geocentrico, si trovava in una determinata posizione alla nostra nascita, proprio in quel segno zodiacale. Ma il sole, pur essendo un astro di importanza capitale, non è l’unico della scena planetaria: vi è la mutevole Luna che è responsabile di moti inconsci, intuito e sogni; Venere che regala affettività; Marte che stimola entusiasmo, coraggio, combattività; Giove signore di saggezza e fede; Saturno che matura ogni individuo regalando spesso spiacevoli ma utili prove; poi Urano (cambiamento), Nettuno (misticismo) e Plutone (esplosioni sotterranee e inconscio); si hanno poi le stelle fisse e i punti fittizi, diversamente disposti tra loro in modo disarmonico o armonico, raggruppati o ben distribuiti lungo il cerchio zodiacale. Tutti concorrono a segnare aspetto e personalità degli individui. E’ strettamente necessario, per chi intende usare le gemme per usi magici astrologici profondi ed incisivi, conoscere il proprio oroscopo.

Tornando alle gemme, la loro funzione occulta, come già detto, è quella di proteggere e rafforzare. Volendosi accontentare di un uso semplicistico della pietra, si può semplicemente accordarla al proprio segno zodiacale o, se lo si conosce, al segno del proprio Ascendente. In maniera più “seria”, si potranno rafforzare con un uso più intelligente delle gemme gli influssi positivi dei pianeti benefici. Si potrà proteggere la vita affettiva, la casa, il lavoro, la salute. La gemma rappresenta quindi una inattesa e pratica soluzione per proteggersi da situazioni difficili o per rafforzare ed incanalare le energie positive, mantenendo uno stato armonico necessario ad una gradevole evoluzione della propria individualità.

oroscopo-segni-zodiacali-12-case

“Ogni segno zodiacale è dominato da uno o due pianeti che gli trasmettono energie e caratteristiche. Ognuno dei dodici segni zodiacali viene a sua volta suddiviso in tre parti, di 10 gradi ciascuna, dette decani e influenzate da un particolare pianeta”

ariete-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaARIETE: 21 marzo – 20 aprile
Primo decano (Marte) 21/3 – 30/3: Rubino
Secondo decano (Sole) 31/3 – 9/4: Diamante
Terzo decano (Venere) 10/4 – 20/4: Zaffiro

toro-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaTORO: 21 aprile – 20 maggio
Primo decano (Mercurio) 21/4 – 30/4: Acquamarina
Secondo decano (Luna) 1/5 – 10/5: Perla, cristallo, berillo blu, zaffiro
Terzo decano (Saturno) 11/5 – 21/5: Berillo giallo, topazio, zaff. giallo

gemelli-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaGEMELLI: 21 maggio – 21 giugno
Primo decano (Giove) 21/5 – 30/5: Turchese, sarconice
Secondo decano (Marte) 31/5 – 10/6: Rubino, cornalina, sardonice
Terzo decano (Sole) 11/6 – 21/6: Diamante, carbonchio

cancro-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaCANCRO: 22 giugno – 22 luglio
Primo decano (Venere) 22/6 – 1/7: Zaffiro orientale
Secondo decano (Mercurio) 2/7 – 11/7: Smeraldo
Terzo decano (Luna) 12/7 – 22/7: Perla, cristallo

leone-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaLEONE: 23 luglio – 22 agosto
Primo decano (Saturno) 23/7 – 1/8: Diaspro giallo, topazio, giacinto
Secondo decano (Giove) 2/8 – 11/8: Turchese, sardonice
Terzo decano (Marte) 12/8 – 22/8: Rubino, corniola, sarda

vergine-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaVERGINE: 23 agosto – 21 settembre
Primo decano (Sole) 23/8 – 1/9: Diamante, giacinto
Secondo decano (Venere) 2/9 – 11/9: Zaffiro chiaro, smeraldo
Terzo decano (Marte) 12/9 – 21/9: Acquamarina, smeraldo

bilancia-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaBILANCIA: 22 settembre – 21 ottobre
Primo decano (Luna) 22/9 – 1/10: Zaffiro, cristallo
Secondo decano (Saturno) 2/10 – 11/10: Carbonchio
Terzo decano (Giove) 12/10 – 21/10: Ametista, sarda

scorpione-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaSCORPIONE: 22 ottobre – 21 novembre
Primo decano (Marte) 22/10 – 1/11: Rubino
Secondo decano (Sole) 2/11 – 11/11: Carbonchio
Terzo decano (Venere) 12/11 – 21/11: Rubino o spinello

sagittario-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaSAGITTARIO: 22 novembre – 21 dicembre
Primo decano (Mercurio) 22/11 – 1/12: Smeraldo
Secondo decano (Luna) 2/12 – 11/12: Cristallo di rocca
Terzo decano (Saturno) 12/12 – 20/12: Zaffiro indaco

capricorno-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaCAPRICORNO: 21 dicembre – 19 gennaio
Primo decano (Giove) 21/12 – 31/12: Turchese, sarda
Secondo decano (Marte) 1/1 – 9/1: Corniola, topazio brulè, onice
Terzo decano (Sole) 10/1 – 19/1: Carbonchio

acquario-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaACQUARIO: 20 gennaio – 19 febbraio
Primo decano (Venere) 20/1 – 30/1: Zaffiro elettrico
Secondo decano (Mercurio) 31/1 – 9/2: Smeraldo, topazio di Sassonia
Terzo decano (Luna) 10/2 – 19/2: Perla, cristallo

pesci-segno-zodiacale-blog-cicala-genovaPESCI: 20 febbraio – 20 marzo
Primo decano (Saturno) 20/2 – 29/2: Topazio
Secondo decano (Giove) 1/3 – 10/3: Turchese, sarda
Terzo decano (Marte) 11/3 – 20/3: Rubino, corniola, giacinto