Proposta di regolamento sui minerali da conflitto in UE

0
1596

proposta-regolamentazione-minerali-zone-conflitto-europa

Il  2013 ha segnato il recepimento da parte della Securities and Exchange Commission statunitense (Commissione per i Titoli e gli Scambi) di alcune norme della legge “Dodd – Frank Wall Street Reform e Consumer Act”.

Questo provvedimento, entrato in vigore lo scorso 7 giugno, si pone quale obiettivo primario quello di contrastare i conflitti civili in Congo e negli Stati limitrofi derivanti dall’estrazione e dalla vendita di quattro minerali: oro, tantalio, rame e tungsteno. L’entrata in vigore del Regolamento sui minerali, che in futuro potrebbe aprire la strada ad analoghe direttive di matrice comunitaria, prevede una serie di adempimenti da parte delle imprese che operano in questo settore.

Il 10 luglio a Torino presso il Centro Congressi dell’Unione Industriali, si terrà il Seminario “Conflict Minerals: le imprese europee tra le ricadute della normativa statunitense ed il prossimo Regolamento europeo”. L’incontro costituirà una occasione per analizzare ed approfondire il tema aiutando ad affrontare correttamente gli obblighi imposti dal Regolamento europeo che andrà a disciplinare l’interscambio commerciale dei cosidetti “minerali da conflitto”. La bozza del regolamento  fa propri molti concetti e principi della normativa statunitense in materia riportati all’interno della legge “Dodd – Frank  Wall Street Reform e Consumer Act” che disciplina l’interscambio commerciale dei cosiddetti “minerali da conflitto”.

Nel corso dell’evento interverranno relatori appartenenti ai settori automotive, elettronico-elettrotecnico e  orafo che hanno maturato esperienze significative in materia. Per il settore orafo interverrà Stefano de Pascale, Direttore Confindustria Federorafi.

Qui di seguito vengono indicati gli orari e l’indirizzo della sede dove verrà svolto il seminario:

10 luglio 2014 Unione industriali Torino  – Via Manfredo Fanti 17 – Sala Piemonte – ore 14:30 –  ore 17:30

CONDIVIDI