Fiera di Vicenza – Conferenza sull’oro usato

    0
    602

    oro-usato-perche-no-fiera-di-vicenza-federpreziosi-conferenza-gennaio

    Oro usato, perche’ no?

    Si è tenuto oggi 19 gennaio 2014 l’incontro con tema “Oro usato… Perché no? Presente e futuro del commercio dell’oro e della compravendita di oggetti preziosi usati” presso Fiera di Vicenza – Vicenzaoro Winter, che ha visto come protagonisti, presso il Convention Centre, numerosi personaggi del panorama nazionale del prezioso. Nello specifico hanno esposto le loro considerazioni ed i loro pensieri:

    • Corrado Facco, Direttore Generale di Fiera di Vicenza;
    • Giovanni Micera, giornalista e Direttore di Preziosa Magazine;
    • Licia Mattioli, Presidente di Confindustria Federorafi, Federazione Nazionale Orafi, Argentieri, Fabbricanti;
    • Giuseppe Aquilino, Presidente di Confcommercio Federpreziosi, Federazione Nazionale delle Imprese Orafe, Gioielliere, Argentiere, Orologiaie;
    • Steven Tranquilli, Direttore di Confcommercio Federpreziosi, Federazione Nazionale delle Imprese Orafe, Gioielliere, Argentiere, Orologiaie;
    • Walter Marazzani, Responsabile area legale e fiscale Confindustria Federorafi;
    • Stella Torraco, Funzionario Tributario dell’Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Normativa – Settore Imposte indirette Ufficio IVA;
    • Sen. Donella Mattesini;
    • Sen. Paola Pelino;
    • Sen. Pamela Orrù;
    • Sen. Pierantonio Zanettin.

    Sono stati riportati chiarimenti in merito al corretto assolvimento dell’IVA circa la cessione di oggetti di oreficeria usati (sia d’oro che d’argento) effettuate da operatori commerciali a operatori industriali i quali, anziché utilizzare i beni acquisiti secondo la loro originale utilità, ne opereranno una trasformazione radicale. Sono intervenute poi persone del pubblico che hanno sollevato domande e perplessità che hanno puntualmente trovato risposte concrete dagli ospiti dell’evento.

    I Senatori presenti hanno inoltre invitato tutti ad inviare suggerimenti ai propri contatti personali, a dimostrare una totale apertura al dialogo per la realizzazione di una proposta di legge il più possibile completa e corretta.

    I dettagli dell’incontro

    La compravendita degli oggetti preziosi muove volumi di affari annui che oscilla mediamente tra 3 e 4 miliarti di euro, e la nascita dei compro oro ha portato questa “nuova categoria” ad accaparrarsi posizioni economiche impensabili fino a pochi anni fa nel comparto commerciale del paese. Quattro senatori delle diverse aree politiche, i principali rappresentanti delle Associazioni di Categoria ed un funzionario dell’Agenzia delle Entrate hanno lavorato gomito a gomito proprio su questo tema.

    Dario Bonaguti, Consigliere Nazionale di Confindustria si è rivelato molto soddisfatto dei risultati ottenuti dal lavoro di squadra di questi ultimi anni ed ha dimostrato entusiasmo per l’utilità delle norme trasparenti e chiare che andranno a “tappare” un buco legislativo che lasciava troppa libertà d’azione individuale.

    Corrado Facco, Direttore Generale di Fiera Vicenza SpA ha evidenziato poi il ruolo centrale e determinante che la Fiera di Vicenza gioca nell’interesse dell’intero comparto organizzando e promuovendo costantemente iniziative di informazione, dialogo, incontro e divulgazione dei temi più attuali e centrali.

    Giuseppe Aquilino, Presidente di Federpreziosi ha tenuto a precisare che l’intenzione del meeting non è quello di “demonizzare” la categoria dei compro-oro, bensì quella di regolamentarli per consentire un lavoro preciso che tuteli realmente consumatori ed operatori stessi.

    Sono stati poi analizzati gli aspetti tecnici dalle Senatrici Donella Mattesini, prima firmataria della proposta di legge in materia di compravendita di oro ed oggetti preziosi usati, Pamela Orrù e Paola Pelino, membri della X Commissione permanente Industria, Commercio e Turismo.

    La chiusura dell’intervento ha visto come protagonista il Senatore Pierantonio Zanettin, segretario della I commissione permanente degli Affari Costituzionali, impegnato proprio a Vicenza per la regolamentazione del distretto che è fortemente coinvolto in queste tematiche.

     

    Fonte dei dettagli: Federpreziosi