Opinione su Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD

0
4658

terra-cielo-mare-sorci-verdi-pvdE’ con grandissimo piacere che oggi presentiamo in anteprima il nuovissimo Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD. Un orologio straordinario che porta con se, come tutti gli orologi TCM, un pezzo di storia della nostra Italia, di ciò che ci ha segnati e resi grandi durante lo scorso secolo.

sorci-verdi-tcm-terra-cielo-mare-pvd-online-opinioneTerra Cielo Mare Sorci Verdi PVD Preview Baselworld 2015

La curiosità ci spinge in maniera assolutamente doverosa (e diciamolo, è anche davvero interessante) ad andare a scoprire la storia che ruota intorno all’espressione tanto famosa “Sorci Verdi” e ciò che porta con se questo detto. Prima di tutto anticipiamo che il Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD entra a far parte della linea “Sorci Verdi”, una collezione TCM che rende omaggio alla 205esima squadriglia da bombardamento della Regia Aeronautica, la prima a ricevere, nel 1936, i nuovi caccia trimotore Savoia Marchetti S.M.79.

Progettati come aerei ad alta velocità, tra il 1937 e il 1939 stabilirono 26 record mondiali e furono, per un certo periodo i più veloci bombardieri del mondo.

Il nome Sorci Verdi

Il nome “Sorci Verdi”, con cui venne soprannominata la 205esima squadriglia, fu coniato nel 1936, a Montecelio, quando il Comandante Biseo, constatata l’altissima qualità dei mezzi appena ricevuti, dichiarò con soddisfazione che la sua squadra “avrebbe fatto vedere i sorci verdi ai loro concorrenti”.

Con questa espressione si evocava, infatti, un aneddoto storico di uno speciale reparto punitivo dell’Impero Romano, celebre per avere avuto dei topi verdi dipinti sugi scudi, il cui compito era quello di reprimere le eventuali rivolte nelle province e la cui temerarietà e crudeltà lo rendevano particolarmente temuto dai cittadini. Lo stesso logo, raffigurante i tre sorci verdi, venne quindi riportato sulla carlinga degli aerei della 205esima squadriglia dell’Aeronautica, e a loro, assi dell’aviazione e uomini straordinari che si distinsero per le proprie imprese sportive e belliche. Tra i record stabiliti come non ricordare quello di velocità nel volo Guidonia-Dakar-Rio de Janeiro nel gennaio 1938, che TCM intende celebrare con questa collezione dedicata.

Un’analisi tecnica de Il Sorci Verdi

Il modello che andiamo a presentare oggi viene identificato con il nome “Il Sorci Verdi” (con l’articolo) per sottolineare l’unicità dell’orologio, orgoglio per TCM sia dal punto di vista tecnologico che qualitativo. Inscindibilmente legato alla storia, il design stesso riprende con grande precisione quello dell’orologio di bordo degli aerei da caccia S79, in dotazione alla mitica squadriglia. Il quadrante ha infatti lo stesso disegno dell’orologio di bordo, con il numero di edizione limitata riportato al suo interno.

Sul fondello è stato riprodotto lo strumento dell’inclinometro, chiamato in aviazione sbandometro o “Palin Paletta”, utilizzato dai piloti durante le virate. Infine l’orologio, fedelmente a quello antico, non ha la classica corona, sostituita in questo caso con un sistema a sgancio, che permettesse ai piloti di caricare l’orologio pur indossando i guanti, una chicca a mio avviso che stupirà. Sul lato della cassa è presente una placchetta realizzata con il metallo originale di un S.M.79, donato dall’associazione Ali Storiche a TCM per poterlo inserire nel suo “Sorci Verdi”.

Il movimento è il primo calibro di manifattura Terra Cielo Mare ed è stato creato su misura ed in esclusiva dall’azienda Concepto di La Chaux De Fonds, una delle migliori Manifatture al mondo. Il movimento, ad alta precisione, è stato studiato ad hoc per rendere operativo il particolare sistema di carica tramite corona di questo modello. Andiamo ora ad evidenziare ogni caratteristica estetica e funzionale di questo meraviglioso segnatempo dal forte sapore vintage ma con tocco moderno che ne valorizza ogni caratterizza rendendolo un capolavoro. Partiamo dalla cassa, di 43 mm di diametro, vero elemento di stile, realizzata interamente in titanio sabbiato con trattamento PVD in colore nero. Uno degli elementi che caratterizzano la cassa è sicuramente (come abbiamo già detto) la placchetta realizzata con il metallo originale di un S.M.79, donato dall’associazione Ali Storiche.

Fondello, vetro e impermeabilità

La placchetta presenta l’incisione dei tre “Sorci Verdi”, elemento unico e distintivo. Un’ altro elemento che rende particolare il Terra Cielo Mare Sorci Verdi è il sistema leva a sgancio brevettato, per carica e regolazione orario: un capolavoro ingegneristico che permette lo sgancio ed il movimento della ghiera che ha così la possibilità di ruotare in senso orario ed antiorario e caricare nonchè regolare l’orologio. Il fondello è un vero capolavoro, anch’esso in titanio, serrato con viti e realizzato su due livelli: il primo è in vetro zaffiro che va a chiudere il movimento per garantirne l’impermeabilità, sul quale è applicato un coperchio scheletrato in titanio con lo strumento che, grazie alla massa oscillante funge da sbandometro, come viene chiamato in aviazione o “Palin Paletta”, utilizzato dai piloti durante le virate.

Analizziamo poi le caratteristiche del quadrante, chiaro in ogni suo aspetto e caratteristica, dal sapore vintage ma dall’aspetto moderno ed pratico. Esso riporta lo stesso disegno dello storico strumento di bordo: reca al suo interno il numero di edizione limitata realizzato attraverso un procedimento di stampaggio (molto più complesso rispetto all’incisione manuale ma decisamente più fedele all’originale design industriale dello strumento di bordo). Ogni quadrante diventa così un pezzo unico numerato. Il fondo è in colore nero opaco, con indici applicati e piccoli secondi ad ore 3; è protetto da un vetro zaffiro antigraffio con trattamento antiriflesso sull’intera superficie che, insieme al fondello con viti garantisce l’impermeabilità a 5 atmosfere, circa 50 metri.

Il movimento interno TCM

Veniamo al cuore pulsante del Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD, il primo calibro di manifattura TCM, realizzato su commissione interamente da Concepto, maison svizzera che ha sede a Chaux de Fonde. Il movimento è di tipo meccanico a carica automatica, nello specifico il TCM-3900, 23 rubini, 28.800 alternanze orarie e 48 ore di riserva di carica. Inoltre tra le caratteristiche estetiche-funzionali troviamo l’ammortizzatore incabloc, la finitura a perlage e lucida sulla massa oscillante ed i ponti, la sigla TCM-3900 riportata sul primo ponte e la massa oscillante con logo TCM.

Da non trascurare anche il lato estetico che completa il corredo del Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD, ovvero il cinturino, realizzato in cuoio di crosta Inglese vintage lavorato artigianalmente in Italia di colore blu con cuciture in ecru in contrasto color beige. Un accostamento perfetto che ben si sposa con lo stile vintage che il TCM Sorci Verdi trasmette. Inoltre, da considerare che la produzione del Terra Cielo Mare Sorci Verdi è limitata a 79 pezzi a livello mondiale, in onore e ricordo del S.M.79 a cui si ispira e a cui è dedicato.

Se vi siete innamorati anche voi del Terra Cielo Mare Sorci Verdi PVD approfonditene la conoscenza.

sorci-verdi-locandina-1939-legione-romana-tcm-terra-cielo-mare

Si ringrazia Cicala.it per le immagini ed il segnatempo.